L’Uomo Elastico e rottura della quarta parete.

l'uomo elastico 2

 

 

E’ tra noi. L’homo Sapiens Superior ha rotto il quarto muro in maniera fisica e prorompente.

Abbandonate quindi le pagine dei fumetti di cui è originario, si trova sperso e confuso a vagare nel nostro mondo.

Ovviamente qui deve scontrarsi con problemi ben più gravi dei suoi supernemici in calzamaglia colorata e mantello svolazzante.

Qui deve scontrarsi con il nemico peggiore di tutti: pronto a colpirti da qualsiasi direzione con la forza dell’intero universo, quando meno te lo aspetti e dopo averti sottilmente fatto dimenticare della sua presenza. Questo terribile nemico è la Realtà, e le sue armi sono le fatali e frustranti leggi della fisica.

Quindi il povero Dottor Reed Richards a.k.a. Mr. Fantastic, a.k.a. l’uomo elastico, leader dei Fantastici 4, (Riccardone per gli amici) si trova a dover affrontare medio lunghi spostamenti in un universo (il nostro) che non conosce, in una città (Torino) che non conosce e per di più con un mezzo che non conosce: la Metropolitana!!!

 

Riccardone e la sua ragazza. Notate quanto sia volgare lei.

Riccardone e la sua ragazza. Notate quanto sia volgare lei.

 

Rispetto all’abitante medio di questa parte del quarto muro, Riccardone ha dalla sua l’altezza di circa due metri e dieci, un fisico che dopo il suo arrivo i Bronzi di Riace sono stati ribattezzati  “Burri di Riace”, un sorriso malizioso a mezza bocca disegnato alla perfezione, due anacronistiche strisce di capelli brizzolati sulle tempie e la ferma convinzione di essere elastico. Ovviamente quest’ultima caratteristica, tanto cara alla sua compagna Donna Invisibile, da questa parte del multiverso non ce l’ha. Lui poveretto però ancora non lo sa, ma chiaramente ci prova: la sbarra per tenersi è alla distanza giusta per non essere raggiunta senza spostarsi, ma siccome lui è Riccardone, il problema non esiste.

Burro di Riace che scarogna sul fisico di Riccardone, indeciso se essere depresso o disperato e che si è pure rasato la barba.

Così ridisegna il suo sorriso malizioso, strizza l’occhio a mo’ di “sta a vedere questa” alla ragazzina affascinata di fianco a lui e lancia il braccio  verso la sbarra, bello dritto sulle gambe e indietreggiando un po’ con le spalle con chiaro intento pavoneggiatorio.

Il rumore che si sente è quello di un applauso, ma è in realtà prodotto dall’urto del palmo di Riccardone sulle guance di tutti i passeggeri presenti sulla linea retta che lo separa dalla sbarra.

Sbarra che abbiamo detto essere quel tanto che basta più lontana del dovuto. Ed è in questo momento che la perfida Lady Realtà, sventolando il suo mantello color causa-effetto, sfrutta il momento di debolezza e fa partire la metro sferrando il terribile attacco del principio di inerzia. Riccardone è sbilanciato, senza appiglio finisce addosso a tre persone dietro di lui e soprattutto ha una profonda ferita nell’orgoglio. Ferita da cui escono litri e litri di figura di merda.

In un attimo si ridimensiona, si umanizza e ,conscio dei suoi nuovi limiti, prova a guardarsi in torno con sguardo di scusa, ma la Realtà gli infligge il suo colpo di grazia: la metro, caro il mio Riccardone, è piena di stronzi. La raffica di occhiate di sufficienza che riceve annichilirebbe l’ego di mille tronisti… e lui, già ferito, accetta la sconfitta.  Mentre con gli occhi bassi cerca di evitare ulteriori colpi e in cuor suo vorrebbe essere lui quello invisibile tra i suoi amici, la ragazzina a cui ha strizzato l’occhio prima (e che non ha smesso un attimo di guardarlo) si sposta di mezzo passo permettendogli di aggrapparsi alla sbarra che teneva nascosta standoci appoggiata con tutta la schiena.. e si appresta a scendere.

Attento al gradino quando scendi, Riccardone, che il lunedì è iniziato così così..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...